Questa versione di Internet Explorer è obsoleta e non è ottimizzata per la navigazione su questo sito.
Ti consigliamo di aggiornare il tuo browser o di utilizzarne uno differente.

07/02/2012

PUBBLICATO IL BANDO PER LA SESTA EDIZIONE DEL PREMIO MONTANA ALLA RICERCA ALIMENTARE

• Iscrizione e presentazione dei progetti entro il 31 maggio 2012

• L’iniziativa, rivolta a giovani ricercatori italiani, promuove la ricerca scientifica sull’alimentazione con due premi per complessivi 150.000 Euro


Montana
, dopo il crescente successo delle edizioni precedenti, lancia anche quest’anno la sesta edizione del “Premio Montana alla Ricerca Alimentare”, riconoscimento per giovani ricercatori italiani con una dotazione finanziaria complessiva di 150.000 Euro.

Si tratta di un’iniziativa innovativa per il settore e per il mondo della ricerca scientifica: Montana, consapevole dell’evoluzione delle esigenze alimentari e della loro importanza in tutti i risvolti della vita umana, ha voluto realizzare questo Premio con l’obiettivo di promuovere e incoraggiare la ricerca scientifica italiana sull’alimentazione e superare gli attuali confini delle conoscenze in questo campo. L’assegnazione è affidata a una Giuria indipendente composta da esperti di chiara fama nei rispettivi settori di riferimento.

Il termine utile per la presentazione delle domande di iscrizione è fissato per il 31 maggio 2012 come previsto dal bando di concorso disponibile presso la sede della società Inalca S.p.A e/o scaricabile dal sito internet www.montanafood.it. Anche per questa edizione, “Il Premio Montana alla Ricerca Alimentare” sarà assegnato entro settembre 2012.

Il riconoscimento, riservato ai giovani ricercatori (il limite di età è di 40 anni), ha il fine specifico di sostenere il mondo della ricerca italiana e contribuire a valorizzare una professione che troppo spesso trova all’estero un miglior riconoscimento, sia professionale che economico.

Considerata la vastità d'ambito della ricerca in campo alimentare, l’edizione del Premio è suddivisa in due macro-aree tematiche: Qualità degli Alimenti e Salute (tecnologia, sicurezza e qualità degli alimenti) e Nutrizione e Salute (salute, dieta e nutrizione umana). Le ricerche che parteciperanno dovranno appartenere ad una sola delle due aree tematiche. Al momento dell’iscrizione, dovrà essere specificata l’area di appartenenza all’una oppure all’altra area.

Il Premio Montana ammonta complessivamente a 150.000 Euro che, salvo casi particolari dettagliati nel Bando, sarà suddiviso tra 1° Premio del valore di 100.000 Euro e 2° Premio di 50.000 Euro, a prescindere dall'area tematica.

Per l'edizione 2012 ogni singolo Premio verrà suddiviso tra il Ricercatore risultato vincitore e un istituto di ricerca (l'istituto di appartenenza del vincitore oppure un istituto da lui scelto) con la seguente ripartizione: 2/3 del Premio al Ricercatore e 1/3 all'istituto.

I criteri che guideranno la Giuria nella selezione dei vincitori sono: originalità della ricerca e suo carattere innovativo; applicabilità dei risultati; qualità della metodologia scientifica adottata e vicinanza della ricerca alle esigenze concrete del consumatore.

La Giuria indipendente è composta dal Prof. Paolo Aureli, Past Director Centro Nazionale per la Qualità e Rischi Alimentari Istituto Superiore di Sanità di Roma, dal Prof. Stefano Cinotti, Direttore Generale dell'Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell'Emilia Romagna, dal Dott. Claudio Garbelli, Direttore Generale dell'ASL di Lodi, dal Prof. Fulvio Marzatico, Docente presso la Facoltà di Scienze Fisiologiche-Farmacologiche, sezione di Farmacologia e Biotecnologie Farmacologiche, dell'Università degli Studi di Pavia, dal Prof. Giancarlo Palmieri, Direttore Dip. Medicina AO Niguarda/Cà Granda di Milano, e dal Dott. Paolo Berselli, Direttore Operativo di Montana Alimentari SpA.

L’ultima edizione del Premio ha fatto registrare un elevato numero di adesioni estremamente qualificate, superiore a tutte le aspettative, con oltre 70 progetti pervenuti da tutte le principali università italiane e centri di ricerca.
TOP